ORDINE DEL GIORNO

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è convocato per domenica 22 febbraio ore16,00
 presso la Chiesa parrocchiale per la trattazione, dopo la Preghiera del Vespro, del seguente ordine del giorno:

  1. lettura del verbale della seduta precedente e seguente verifica del lavoro affidato alle Commissioni;

  2. indicazione di nominativi per completare le commissioni e programmazione di incontri formativi per i membri delle stesse commissioni

  3. programmazione delle attività nel tempo di Quaresima;

  4. festa della Madonna della Rosa      (9 maggio 2004)

  5. indicazione della data per convocare l'Assemblea Parrocchiale;

  6. Varie ed eventuali.

     

VERBALE DELL'INCONTRO

Il 22 febbraio 2004 alle ore 16:00, presso i locali della Parrocchia di San Paolo Apostolo si è riunito il Consiglio Pastorale Parrocchiale. L’incontro è iniziato con la preghiera del Vespro ed una riflessione del Parroco sulla lettera pastorale dell’Arcivescovo “Camminare insieme”, in particolare sulla pluralità dei carismi in Parrocchia. È lo Spirito che suscita i carismi, è lo Spirito che forma la comunità, “i carismi sono, dunque, doni dello Spirito Santo (…) che vengono dati ai singoli per il bene della Chiesa (cfr.CdA 502)”. “Lo Spirito creatore dei carismi è anche lo Spirito creatore di unità e lo è nella stessa misura”. Se tutto questo quindi viene dallo Spirito, chiediamo al Signore di essere degni di questi doni; ma se viviamo distinzioni, divisioni, se incontriamo gelosie e invidie, se abbiamo l’atteggiamento di primeggiare sugli altri, noi stiamo facendo agire lo Spirito a modo nostro. I carismi quando non sono doni dello Spirito “sono frutto di emozioni, di sentimenti, di aspirazioni e desideri puramente umani”.

Si passa quindi alla lettura del verbale del precedente incontro del 1 novembre 2003, alla verifica del lavoro svolto dalle commissioni e all’integrazione dei componenti di alcune commissioni.  

Commissione Caritas

I vari gruppi di lavoro devono ancora organizzarsi, per cui non è stato possibile una verifica del lavoro svolto. Intanto la Caritas Diocesana sta preparando dei corsi di formazione per gli operatori Caritas addetti alla mappatura dei bisogni e delle risorse del territorio, ed anche un corso di formazione per i volontari. Inoltre partirà anche la formazione per operatori di centri di ascolto, così da costituire un centro di ascolto foraniale o di zona. Il coordinatore della commissione Caritas, ha letto i nominativi delle persone che sono state assegnate nelle varie mansioni all’interno della Caritas: Per il centro di ascolto si possono coinvolgere anche delle figure professionali come avvocati, psicologi, assistenti sociali, che possono essere delle energie utili per il servizio agli altri. 

Commissione per la liturgia

È stato verificato l’andamento delle ultime celebrazioni come la Novena dell’Immacolata e la Novena di Natale. La nostra parrocchia quest’anno, per la prima volta, ha celebrato la Novena dell’Immacolata, subito dopo la Santa Messa, ma non c’è stata molta partecipazione forse perché è stata la prima volta che si è proposta.Per la Novena di Natale sono stati coinvolti anche i genitori dei bambini del catechismo, celebrando prima la Santa Messa e poi la Novena,  comunque con poca partecipazione ai due momenti liturgici. Durante la discussione è stato fatto presente da alcuni consiglieri di collocare questo tipo di liturgia dopo le 20:00 per permettere la partecipazione anche a coloro che lavorano fino a tardi, in particolare è stato evidenziato che i giovani sono più disponibili intorno a questo orario.C’è stato quindi l’intervento di un consigliere riguardo la disposizione del coro durante le celebrazioni: la nostra parrocchia dispone di un coro molto numeroso, quindi sarebbe opportuno che nei momenti liturgici forti (Natale, Pasqua, San Paolo, ecc.) ci sia un’area delimitata per il coro per evitare di disturbare i fedeli che hanno già preso posto, e  invitare il coro e gli strumentisti ad essere presenti almeno mezz’ora prima delle celebrazioni. Tra i vari interventi, viene evidenziato che l’assemblea durante i momenti forti Natale e Pasqua non partecipa ai canti quando si tratta di nuovi canti proposti dal coro. Dopo un’ ampia discussione il presidente propone, per mettere in condizione i fedeli di poter partecipare a queste celebrazioni anche con canti nuovi, di organizzarsi in modo che nelle settimane precedenti alcune festività particolari come il Natale e la  Pasqua ecc. prima dell’inizio della messa vespertina vengano provati i ritornelli di questi nuovi canti con tutta l’assemblea.

Il presidente ha proposto alcuni incontri di formazione per tutti i membri delle commissioni sulle metodologie di lavoro di gruppo da svolgere dopo Pasqua.

La festa della Madonna della Rosa si festeggerà sempre la seconda domenica di maggio e per quest’anno ci sarà l’accoglienza della statua. Si è pensato quindi di celebrare questo avvenimento dal punto di vista spirituale-liturgico e di rimandare la costituzione di un comitato per i festeggiamenti e il coinvolgimento del quartiere al prossimo anno. Per quanto riguarda l’Assemblea Parrocchiale si terrà  a settembre. Per le attività nel tempo di Quaresima ci saranno le Stazioni Quaresimali. Ogni martedì ci si incontra in una parrocchia per un momento penitenziale con litanie, la meditazione di uno dei parroci e si conclude con la benedizione. Il primo appuntamento per questo momento liturgico ci sarà il due marzo a San Paolo, poi a San Francesco, a San Pietro e infine a Santa Maria.

Le “via Crucis” si faranno tutte in Chiesa, dopo la Santa Messa. L’ultimo venerdì di quaresima ci sarà la via crucis di quartiere.

La riunione si è conclusa alle 18:30.

 La segreteria                                      Il presidente